Gli oli lubrificanti sono solo uno dei tanti materiali lubrificanti, o elementi, che possono essere derivati ​​dal petrolio greggio, che emerge da un olio correttamente per essere un colore giallo giallo liquido, facilmente infiammabile, miscela liquida di un gran numero di idrocarburi (composti organici e naturali che contengono solo materiali di carbonio e atomi di idrogeno, questi si verificano in tutti i combustibili fossili). Il petrolio ha smesso di essere modellato attraverso la decomposizione di piccole piante e animali che erano vivi approssimativamente 400 milioni di anni in passato. Grazie ad alcune variazioni climatiche e geografiche che si verificano in quel periodo nella storia della Terra, la rottura di tali organismi differisce da un'area all'altra.

A causa dei premi unici a cui il contenuto naturale e organico si decompone in una varietà di luoghi, la natura e la proporzione degli idrocarburi che ne derivano variano notevolmente. Di conseguenza, così fanno gli attributi fisici e chimici effettivi negli oli grezzi estratti da diversi siti. Ad esempio, sebbene il greggio della California fornisca una gravità particolare di 0.92 grammi / millilitro, il greggio più leggero della Pennsylvania fornisce una gravità specifica di 0.81 grammi / millilitro. (La gravità unica, che si riferisce al rapporto tra il grasso di una sostanza e quello di un volume equivalente di acqua, è davvero un aspetto importante del petrolio greggio). .

Lubrificante-materie prime

In base all'applicazione, le sostanze chimiche note come additivi possono essere miscelate utilizzando l'olio lubrificante raffinato dal petrolio greggio. Poco dopo aver attraversato un corso purificatore d'azione chiamato sedimentazione, il petrolio greggio viene riscaldato in enormi torri di frazione. I vapori assortiti - che potrebbero essere abituati a produrre carburante, cere, tra alcune sostanze - ribollono e vengono raccolti in diversi punti mentre si trovano nella torre. L'olio lubrificante che viene definitivamente raccolto viene filtrato e successivamente vengono aggiunti gli additivi.

Olio raffinato per offrire le proprietà corporee desiderate. Gli additivi frequenti includono metalli come il piombo o il solfuro metallico, che migliorano notevolmente i mezzi dell'olio lubrificante per fermare l'usura e le rigature quando le superfici metalliche entrano in possesso di pressioni inferiori a quelle eccezionalmente superiori. I polimeri ad alto peso corporeo molecolare sono un additivo più tipico: migliorano la viscosità, contrastando la tendenza degli oli a diluire a temperature più elevate. Le nitrosomine sono utilizzate come antiossidanti e inibitori di corrosione poiché neutralizzano gli acidi e proteggono i film sulle superfici metalliche.